Il sito 'cgilbelluno' (http://www.cgilbelluno.it) utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

cgil

Sede Viale Fantuzzi n° 19 32100 Belluno tel 0437948046-7-8-9 - fax0437940281
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.      pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Segretario Generale Mauro De Carli cellulare 348 1303211
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PER MAURO DE CARLI, SEGRETARIO CGIL, SBAGLIATO TIRAR FUORI IL PROGETTO: «LA PROVINCIA VERO INTERLOCUTORE»


foto de carli articoli«Autostrada? No grazie: è contraria al turismo» L'OPINIONE BELLUNO «Vecchia e contraria allo sviluppo del turismo».
Sull'autostrada la Cgil dice «no». Il dibattito riacceso attorno all'infrastruttura vede il sindacato bellunese schierato fermamente con gli oppositori.
«Il tema del prolungamento dell'autostrada risulta vecchio, perché non in linea con una visione del territorio di rilancio del turismo dice Mauro De Carli, segretario generale della Cgil di Belluno -.
A Belluno serve un turismo non mordi e fuggi, più consono agli equilibri del nostro territorio.

Di conseguenza servono politiche per valorizzare l'abitare in montagna, per gestire e mantenere l'ambiente come patrimonio su cui generare ulteriori fonti di reddito». Il «no» all'autostrada diventa un «sì» convinto al miglioramento della viabilità esistente. Il punto di partenza è il Piano Anas per Cortina 2021.
«Diventava prioritario sciogliere i nodi della difficile viabilità esistente e mi sembra che gli investimenti per Cortina 2021 vadano in questa direzione» continua il segretario della Cgil. Che vede come un'intromissione di interessi esterni, lontani da Belluno, l'idea del prolungamento autostradale.
«Trovo sbagliato che a riproporre l'autostrada siano interessi che vengono da altri territori con- tinua De Carli -. Ce lo chiede l'Europa, l'Austria, Treviso e Venezia. Ma a Belluno serve? Sembra che ci siano già progetti "innovativi" presentati e per tutti il richiamo è all'unità d'intenti e a non fare ostruzionismi; sembra più un monito che un fattivo impegno alla costruzione comune di un "patto" per lo sviluppo della provincia». Sviluppo che per De Carli passa attraverso la condivisione.
Quale? Quella provinciale, con Palazzo Piloni seduto in cabina di regia. «La Cgil sta lavorando dentro i tavoli che si sono già costituiti, quello delle infrastrutture presso Confindustria e quello delle "Politiche Attive" presso la Provincia conclude il segretario -.
Credo che il luogo ideale su cui convergere per programmare le azioni per il risveglio del nostro territorio sia ancora l'istituzione Provincia, in cui tutti eventualmente dovremo convergere con una visione più completa del cosa fare. Ora promuovere nuove iniziative, in sovrapposizione a quelle già esistenti, rischia di rallentare il lavoro già fatto». D. T.

Stampa

por lavoro articolo 1 bILANCIO 
di vittorio progetto sviluppo1 bruno trentin