Il sito 'cgilbelluno' (http://www.cgilbelluno.it) utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sede Viale Fantuzzi n° 19 32100 Belluno tel 0437948046-7-8-9 - fax0437940281
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   
Segretario Generale Mauro De Carli cellulare 348 1303211
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Relazione direttivo 10 luglio 2020

foto de carli articoliCare compagne  dopo un paio di mesi dalla fine  del lockdown e della ripresa della vita quotidiana e delle attività lavorative , credo sia opportuno fare una nostra valutazione sia su quanto è finora accaduto, su come crediamo si siano mossi il Governo e i nostri interlocutori classici o storici e, soprattutto su cosa possiamo attenderci dal prossimo futuro.

Leggi tuttoLeggi tutto

Stampa

Cgil e Cisl rivendicano un patto per la ripartenza

foto de carli articoliIl dibattito Cgil e Cisl rivendicano un patto per la ripartenza Le segreterie provinciali di Cgil e Cisl chiedono alle controparti di siglare un patto sindacale per affrontare la ripartenza e la Fase 2. A pagina X Una proposta unitaria è stata firmata dai due segretari provinciali di Cgil e Cisl «Il patto per ripartire e vincere lo spopolamento» Abbiamo già avuto occasione di dirlo:

Leggi tutto

Stampa

Parla il segretario della Camera del lavoro 

foto de carli articoliMauro De Carli «Bisogna capire come sarà il futuro per muoversi di conseguenza» «L'emergenza Coronavirus deve portarci a ripensare il mondo delle fabbriche» L'INTERVENTO ipartire a partire dal 4 maggio! In verità in questa provincia le possibilità di lavorare erano sempre state molto più larghe che in altri territori, sia per l'esclusione dell'occhialeria dal lockdown, perché autorizzata dal Codice Ateco, sia per le tante deroghe chieste dalle altre ditte, tanto che potremmo facilmente dichiarare che quasi tutti, nelle settimane scorse, avrebbero potuto riprendere l'attività».

Leggi tutto

Stampa

foto de carli articoliLa crisi ACC-WAN BAO

La crisi ACC-WAN BAO porta in chiaro la profonda fragilità del sistema industriale della provincia di Belluno.

Gli ultimi due anni sono trascorsi nel decantare quando repentina fosse stata la ripresa occupazionale in tutto il Veneto ed  anche  nella nostra provincia, con un unico piccolo particolare, che da noi non si era ancora raggiunto lo stesso numero di occupati equivalenti a quelli del 2008, solamente perché il veloce trend dello spopolamento lasciava senza lavoratori le stesse aziende. Inoltre, l’occupazione raggiunta, non equivale allo stesso monte orario medio di 10 anni fa poiché vi è più precarietà e utilizzo di orari ridotti.

Leggi tutto

Stampa

Incontro con la direzione ULSS 1 Dolomiti

foto de carli articoliA pochi giorni di distanza in cui abbiamo chiesto maggiori garanzie sia per la tenuta, almeno quella, del sistema ospedaliero, che per il grado di attenzione nei confronti del cittadino, in particolare modo se anziano, veniamo a conoscenza di una nuova modifica del servizio di prevenzione e diagnostica che ci pone in dubbio sul grado di gestione futura che potrà essere messo in campo nella ULSS stessa.
Alcuni nostri associati, semplici cittadini del territorio, ci hanno avvisato che l’esame di elettrocardiogramma al San Martino di Belluno, fino a poco fa eseguito in libero accesso dopo prescrizione del medico di base, ora viene eseguito su appuntamento e l’esito verrebbe consegnato solo dopo attesa, nello specifico nel pomeriggio, comportando per l’utente un secondo passaggio in ambulatorio.

Leggi tutto

Stampa

Analisi dei dati 2018

foto de carli articoli

Ora i dati del mercato del lavoro relativi all’anno 2018 sono definitivi e quindi ci permettono un’analisi e un confronto con la situazione economica in atto nel Paese e e nello specifico  nella provincia di Belluno; inoltre ci permettiamo di azzardare un ipotesi sulle evoluzioni possibili che potrebbero esserc9i nel corso del 2019.

Veneto

In primis il dato economico  generale, che parla anche per il Veneto di una crescita minore di quella del 2017, anche in una dinamica di minore export, che non permette di raggiungere  i livelli di attivita’ pre-crisi 2008; al contrario il dato invece delle posizioni lavorative complessive risulta essere positivo, superando di 36.200 unità il dato occupazionale del 2008.

Leggi tutto

Stampa

por lavoro articolo 1 bILANCIO 
di vittorio progetto sviluppo1 bruno trentin