Il sito 'cgilbelluno' (http://www.cgilbelluno.it) utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sede Viale Fantuzzi n° 19 32100 Belluno tel 0437948046-7-8-9 - fax0437940281
email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.     
Segretario Generale Mauro De Carli cellulare 348 1303211
email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Speriamo vada tutto bene... nonostante Confindustria.

foto de carli articoliCredo chi in questi ultimi due giorni gran parte dei cittadini comuni si stiano chiedendo chi li sta prendendo per i fondelli! 

Il primo ministro CONTE  fa sapere  che le “misure restrittive” sono prorogate per altre due settimane, perché l’analisi del comitato scientifico  (ISS) a cui si collega  il Governo stesso, ha analizzato come  il blocco delle attività e delle limitazioni nella vita quotidiana  stanno producendo una riduzione della fase di contagio (e quindi sono state provvedimenti corretti), e  che siamo nella fase di stasi, in cui  la curva del numero dei contagiati, degenti da Covid 19 e decessi  sembra essere al picco massimo.

Allo stesso tempo l’ISS ci segnala che  è deleterio abbassare la guardia, cadere nella tentazione di riprendere in modalità di vita quotidiana liberatorie (a Pasquetta niente grigliate e gite famigliari “fuori porta”), soprattutto bisognerebbe ancora evitare spostamenti e assembramenti.Sempre il comitato scientifico ci spiega  che siamo al coefficiente 1 del contagio, cioè ogni persona affetta da COVIP 19, oggi riuscirebbe a contagiare al massimo una “sola” altra persona, mentre solo una settimana fa questo coefficiente era pari a 3, in qualche zona addirittura a 4 (per ogni ammalato da COVIP si moltiplicavano per 3 o per 4 i futuri contagiati). Capisco  ora che questa nuova condizione è positiva, ma non definitiva, anzi, proprio ora servirebbe essere maggiormente rigorosi nel mantenere inalterata l’applicazione delle linee guida “restrittive”. Anche qui il comitato scientifico ci spiega che se ora si commettono degli errori si puo’ ritornare velocemente verso una decisa ripresa del contagio, in cui si formerebbero nuovi possibili focolai da localizzare, isolare ecc, ecc.

Come dire sarebbe perso il tempo sinora occupato per giungere alla linea di culmine del contagio da COVID 19, buttate le tante risorse sinora messe in campo per ammortizzatori sociali e liquidità alle imprese e la ripresa, quella vera e definitiva rimandata ad oltranza. Oltre  che un danno alla salute dei cittadini sarebbe un danno per il mondo dell’economia che attende il momento reale di una ripresa produttiva  certa

E’ a questo punto che bisognerebbe individuare chi ci sta prendendo per i fondelli! Perché se le indicazioni dell’ISS sono molto serie e chiare,  e sono facilmente applicabili alla gente comune, che infatti è chiusa in casa ed è fortemente limitata nello svolgere azioni quotidiane fuori dell’uscio, scopriamo invece che in questa ultima settimana il traffico verso i luoghi di lavoro “formalmente chiusi” e’ notevolmente aumentato. E aumenterà del tutto la prossima settimana dopo Pasqua.

Quasi tutte le attività si stanno rincorrendo, suffragate dagli indirizzi della loro associazione di riferimento, per presentare deroghe  alle restrizioni, e differentemente dalle competenze del sottoscritto, si scoprono  virologi e immunologi nel credere o sperare che l’emergenza del contagio sia del tutto finita. Francamente questo me lo auguro anch’io, ma purtroppo è solo un augurio e non una certezza, voglio troppo bene ai lavoratori che spero solo di avere torto un domani. Di sicuro si sta rischiando, si dichiara che verranno seguite tutte le metodologie di sicurezza interne alle aziende, che già  con sacrificio  e scioperi  abbiamo imposto qualche settimana fa, ma ci permane il dubbio che sia avventata   questa accellerata alla competizione produttiva.

In tempi migliori, avremmo chiesto al Governo di essere più chiaro, di far rispettare maggiormente il principio cardine dei suoi provvedimenti, quello della restrizione per tutti nello svolgere le varie attività e faccende quotidiane, non solo per le famiglie. Ma probabilmente le pressioni dei poteri forti si stanno dimostrando piu’ efficaci delle preoccupazioni del sindacato.

Ma almeno ora sappiamo chi ci sta prendendo per i fondelli, quelli che nei loro documenti  scrivono che “la salute è il bene primario “ e a cui  sin d’ora  chiediamo di assumersi la responsabilità se cio’ non dovesse  avverarsi.

CGIL BELLUNO

Mauro DE CARLI

Stampa

por lavoro articolo 1 bILANCIO 
di vittorio progetto sviluppo1 bruno trentin