Il sito 'cgilbelluno' (http://www.cgilbelluno.it) utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

FIOM

Segretario Generale Bona Stefano cellulare 3472862013  email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Segretario Furlan Fabio cellulare 3466002746   email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Acc: lavoratori a casa, scatta il presidio  
 
Mel. A tre giorni dalla ripresa dell’attività, lo stabilimento chiude un’altra volta. I sindacati preoccupati oggi manifestano  
di Paola Dall’Anese wMEL Lavoratori e sindacati sempre più preoccupati per le sorti dell’Acc. Soltanto lunedì i dipendenti erano tornati al lavoro, ma già ieri alle 22 la produzione si è fermata: da oggi sono nuovamente a casa, perché manca la liquidità per acquistare la materia prima. E così oggi, dalle 13 alle 15, è previsto un presidio davanti allo stabilimento zumellese. I sindacati hanno rispolverato la casetta che era stata montata nel 2009 fuori dalla fabbrica e sono state rimesse le bandiere delle organizzazioni sindacali. La lotta, quindi, riprende. Quale sarà il futuro dell’Acc ancora non si sa e questa incertezza sta mettendo a dura prova l’ottimismo dei seicento dipendenti che sono ancora in cassa straordinaria. Ma l’intenzione di mollare ancora non c’è. E qualcuno fa sapere che non ci sarà mai. Sullo sfondo resta sempre la vendita totale o parziale dello stabilimento. E in molti si augurano che questo avvenga presto.

Leggi tutto

Stampa

Il sindaco Cesa in prima fila: «I dipendenti chiedono soltanto di poter lavorare»  
MEL. In prima fila oggi davanti allo stabilimento dell’Acc ci sarà anche il sindaco Stefano Cesa. Il primo cittadino si è sempre dimostrato sensibile al futuro di questa fabbrica, che dà lavoro non solo agli zumellesi ma anche ai residenti dei comuni limitrofi. «La situazione è critica e la preoccupazione è tanta», precisa Stefano Cesa.

Leggi tutto

Stampa

por lavoro articolo 1 bILANCIO 
di vittorio progetto sviluppo1 bruno trentin