Il sito 'cgilbelluno' (http://www.cgilbelluno.it) utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sede Viale Fantuzzi n° 19 32100 Belluno tel 0437948046-7-8-9 - fax0437940281
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   
Segretario Generale Mauro De Carli cellulare 348 1303211
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Relazione del segretario generale della Cgil di Belluno al direttivo del 15-02-2021

foto de carli articoliCari compagni, come sempre in queste occasioni il dibattito sul bilancio, che precede questa introduzione assorbe un pezzo abbondante del tempo a disposizione, e pur se siamo ad inizio di un nuovo anno, particolarmente complesso e imprevedibile, è opportuno essere sintetici e cercare di esporre la visione del momento politico attuale solo per punti sintetici.

Eppure di temi ve ne sarebbero molti, potenzialmente arricchiti dall’evoluzione della crisi di governo che in questi giorni ha trovato soluzione.

Gia’ prima di questo, il nostro orizzonte si profilava su questioni pesanti;

-da una parte la necessità di gestire la pandemia, capire e indirizzare la campagna vaccinale ad una chiarezza sui tempi, sull’efficacia, sulle forniture dei vaccini,

-dall’altra parte capire e agire per il contenimento degli effetti della crisi economico- produttiva in atto, reggere l’urto per il mantenimento delle tutele e degli ammortizzatori contro la logica della mano libera ai licenziamenti

Leggi tutto

Stampa

LETTERA APERTA
al Ministro Nunzia Catalfo

Pregiatissimo Ministro del Lavoro,

siamo a portare la voce dei lavoratori del mondo artigiano veneto che a causa della pandemia hanno dovuto ricorrere all’ ammortizzatore sociale Covid-19 attraverso il Fondo Nazionale FSBA. Si tratta di oltre 100.000 persone, ossia più del 75% dei dipendenti artigiani. Numeri assolutamente straordinari che danno conto della gravità della situazione del settore e delle conseguenze per la comunità.

Leggi tutto

Stampa

por lavoro articolo 1 bILANCIO 
di vittorio progetto sviluppo1 bruno trentin